Menù

Voltura Catastale

voltura-catastale rintracciofacile

Voltura Catastale

Calcola gli interessi di mora

La voltura catastale è un atto necessario in tutti i casi in cui un immobile passi di proprietà, oppure ci siano variazioni relative, ad esempio, all’usufrutto dello stesso.

La voltura dovrà essere effettuata secondo le regole, e nel caso in cui si verifichino dei ritardi, come in molti altri casi, sono previsti degli interessi di mora.

Vediamo, quindi, come gestire questa situazione e come effettuare il calcolo di tali interessi.

La domanda di voltura catastale

Dopo aver fatto una visura ipocatastale hai deciso di acquistare un immobile, avendo tutte le garanzie del caso.

Tuttavia, dovresti ricordarti come la domanda di voltura dovrebbe essere presentata entro un termine ben preciso.

La domanda di voltura catastale, infatti, dovrebbe essere presentata entro 30 giorni dalla registrazione dell’atto di trasferimento di proprietà, dell’usufrutto e così via.

Per una normale domanda di voltura si richiede il versamento di 55 euro a titolo di tributo speciale catastale, con l’aggiunta di 16 euro di imposta di bollo per ogni 4 pagine della domanda stessa.

Nel caso in cui la domanda di voltura non venga presentata, oppure questa venga presentata in ritardo, si dovranno aggiungere le sanzioni previste dalla legge.

Si prevede, infatti, una sanzione fissa di 15 euro, ma a questa bisognerà anche aggiungere gli interessi di mora.

Gli interessi di mora per la domanda tardiva di voltura catastale

Come hai potuto capire, nel caso in cui la domanda di voltura catastale venga presentata in ritardo, oltre alla sanzione fissa si pagheranno gli interessi di mora.

Per il calcolo degli interessi di mora si prenderà in considerazione il periodo che intercorre tra la data di scadenza della presentazione della voltura, e il giorno in cui effettivamente la domanda sia stata presentata.

Ad esempio, la scadenza per il pagamento poteva essere quella del 2 agosto, ma tu avrai presentato la domanda il 15 novembre. I giorni per il calcolo degli interessi di mora saranno

  • 29 ad agosto
  • 30 a settembre
  • 31 ad ottobre
  • 15 a novembre

il totale, quindi, dei giorni per gli interessi di mora sarà di 105 giorni.

Per il calcolo, inoltre, di tali interessi sarà necessario prendere in considerazione il tasso di interesse legale.

Questo, per il 2019, si è assestato allo 0,80%.

Per quanto riguarda la sanzione da 15 euro sono previste delle riduzioni nel caso in cui non si superi una certa data.

Infatti, nel caso in cui la domanda venga presentata dal 31esimo giorno, fino ai 3 mesi dalla scadenza, la sanzione da applicare sarà pari a 1/8 di 15 euro (ovviamente sempre con gli interessi di mora).

Per effettuare il calcolo degli interessi di mora si prenderà sempre in considerazione la cifra di 55 euro, e per ogni giorno di ritardo si applicherà la percentuale dello 0,80%, almeno per il 2019.

Quindi, sarà necessario evitare di presentare la domanda in ritardo per non incorrere nella sanzione fissa, e poi in quelli che sono gli interessi di mora che, anche se poco, incidono comunque sul costo finale.

Condividi su: